star.ships – A prehistory of the Spirits

star.ships – A prehistory of the SpiritsStar.Ships by Gordon White
Published by Scarlet Imprint on February 22nd 2016
Genres: storia della magia, miti, storia
Pages: 294
Goodreads
four-half-stars

Il testo è scritto con un linguaggio accattivante, ed è difficile resistere al tentativo di leggerlo tutto in una volta. Se riuscite, procuratevi una copia di Star.Ships, è sicuramente destinato a diventare un classico del genere.

Quando un occultista si mette a scrivere di storia, di solito fa più danni che altro. Questo perché i ‘mestieri’ del mago (o della strega) e dello storico sono due mestieri diversi. Alla base dei due, ci sono due processi epistemologici completamente diversi. Cio’ non vuol dire che i praticanti delle arti magiche non possano anche essere storici, e che gli storici non possano anche essere streghe o maghi. Ma la tentazione per la strega che scrive di storia è quella di confondere gli strumenti della strega con quelli dello storico, dando vita a orrori come le classiche ‘storie’ della stregoneria in dieci pagine in apertura di moltissimi testi di stregoneria (e di Wicca).

Star.Ships di Gordon White è un libro importante perché tiene conto di questi errori comuni e cerca di evitarli, per lo più con successo.  Star.Ships ha un obiettivo ambizioso: quello di ricostruire la preistoria della Tradizione Esoterica Occidentale. L’autore usa materiali storici con la cura dell’accademico, ma vi aggiunge il vissuto della strega per accedere a nuove chiavi esplicative che sfuggono al cartesianismo della storiografia, dell’archeologia e dell’antropologia.  White si lancia in quest’opera partendo da cio’ che prima di ogni altra cosa ha attirato l’attenzione dei nostri antenati: le stelle. Recenti scoperte archeologiche, infatti, hanno rimessi in questione l’idea che il sentimento religioso nasca nell’uomo dopo la scoperta dell’agricultura. In particolare, il tempio stellare di Gobekli, in Turchia, sembra avere origini pre-agricole, e dare fondamento alla tesi per cui i nostri antenati sapessero costruire enormi tempi stellari prima ancora che adottassero uno stile di vita sedentario e agricolo.

Dal mistero di Goebekli Gordon White ci porta in giro per il mondo antico, dalle isole della Polinesia e le culture del pacifico all’Antico Regno Egiziano, passando per le leggende dei Veda indiani. In ogni cultura ritroviamo non solo un impianto mitologico comune, ma anche un riferimento costante a corpi celesti e ai movimenti stellari. Le conclusioni che ne seguono sono di quelle che rischiano di stravolgere (in positivo) la vostra concezione delle ‘antiche radici pagane’ di culti stregoneschi e pratiche magiche. I nostri antenati sapevano comunicare con gli spiriti, forse, ancora prima che sapessero comunicare tra di loro. Star.Ships trasforma i ‘bruti’ del neolitico in essere umani capaci di elaborare cosmologie complesse e di collegarle ai movimenti celesti, per poi erigere templi che riportano il credente alle proprie origini cosmiche.

Gordon White non pecca mai di ‘Murraysmo’, quel disturbo per cui il praticante e aspirante storico proietta le proprie concezioni del mondo e aspirazioni sui processi storici. Al contempo, l’autore sfugge anche al rischio del ricostruzionismo: lo scopo del libro non è quello di rispolverare una tradizione ancestrale o originaria, ma piuttosto di cercare di spiegare perché alcune pratiche magiche, di stampo decisamente moderno, spesso sembrano al praticante ‘la cosa più antica del mondo’. Il testo è scritto con un linguaggio accattivante, ed è difficile resistere al tentativo di leggerlo tutto in una volta. Se riuscite, procuratevi una copia di Star.Ships, è sicuramente destinato a diventare un classico del genere.

four-half-stars

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*