Piccolo compendio di erbe a uso magico

erbario-mandragoraRaccogliere le erbe è uno dei modi più semplici per entrare in contatto con la natura che ci circonda. Come molte cose a questo mondo però, l’atto di raccogliere le erbe inizia molto prima, e ha molto più significato, della vostra mano che spezza un ramo o spicca una foglia.

La raccolta delle erbe si fonda su un ‘prima’ che potremmo chiamare semina.

Ovviamente non ci si riferisce alla mera semina delle piante (che anche rientra nelle pratiche della strega), ma ad una semina più ‘profonda’. Penso che per raccogliere le erbe, ci sia prima bisogno di avvicinarle, capire come vivono, in che ambiente crescono, sentirne l’odore, vederle dal vivo. Ma anche documentarsi, attingere a qualsiasi fonte che possa dirci qualcosa in più sulla pianta che vogliamo raccogliere.

Se un approccio del genere, che può richiedere anche molto tempo, ci sembra impraticabile e superfluo, è perché viviamo in contesti urbani in cui le piante entrano in contatto con la nostra vita in maniera veramente debole e marginale.

Per raccogliere un’erba, o meglio, per poterla utilizzare in stregoneria, bisogna conoscerla.

E quanto più approfondita sarà la conoscenza, quanto più stretti saranno i legami con quella pianta, meglio si saprà come utilizzarla.

Uno dei modi utilizzati per conoscere meglio una pianta (e anche per molti l’unico modo per averla a disposizione dal vivo) è la coltivazione. Coltivare una pianta permette di osservarla da vicino durante tutte le sue fasi di vita, si dovrà imparare ad ascoltare le sue esigenze per mantenerla in salute, e da questo si potrà imparare molto. Compreso come evitare di danneggiare la pianta o indebolire il luogo in cui cresce.

E’ una questione di rispetto, se vogliamo, rispetto verso un essere al quale si riconosce un certo potere (altrimenti perché mai dovremmo raccoglierla?) e che si spera possa diventare un nostro alleato nel raggiungimento del nostro obiettivo. Nessuno è obbligato ad avere a che fare con noi né tanto meno ad allearsi con noi, abbiamo piuttosto la possibilità di provare a creare dei legami profondi, con ciò che ci circonda.

La conoscenza della pianta dà modo e dignità di raccogliere nel modo più appropriato un’erba (ma questo si applica a tutto ciò di cui possiamo aver bisogno), evitando sprechi e danni accidentali all’ambiente o, per chi ha occhi e orecchie, evitando di infastidire gli spiriti.

Conoscere la pianta è accedervi, iniziare una relazione, scoprire usi che magari sono sconosciuti a qualsiasi manuale ma che con noi funzionano alla grande, e questo è l’unico modo per poterla usare nell’Arte.

Alloroalloro
Corrispondenza planetaria: Sole.
È un albero che può raggiungere facilmente i 10 metri d’altezza, diffuso in tutte le zone a clima mediterraneo, molto usato incucina. Usato per riti propiziatori e di difesa, oltre che nella divinazione. Un albero piantato in giardino preserva la casa dai fulmini, così come le foglie bruciate.

 

 

 

Calendula
Corrispondenza planetaria Giove-Sole.Calendula_officinalis
Molto diffusa in italia fino a 600 mt. tappezza coi suoi fiori arancioni interi terreni. In passato la sua presenza segnalava terrenibuoni per la viticoltura. Lenisce e sfiamma, ma è usata anche per riti di prosperità e di accrescimento

 

 

 

 

 

CipressoCipresso
Corrispondenza planetaria: Saturno
Albero imponente dalla fitta chioma sempreverde.
È da sempre posto a guardia dei cimiteri, pianta austera e dal legno compatto. Si usa in rituali di protezione e consacrazione. Un ramo in casa difende dalle influenze negative.

 

 

 

 

Ederahedera-elix
Corrispondenza planetaria: Saturno-Giove-Luna.
Cresce arrampicandosi alle altre piante, portandole spesso alla morte per soffocamento. Si usa in lavori di protezione, fertilità e amore. È un amuleto tradizionale per la protezione delle spose.

 

 

 

 

Gineprojuniperus-communis
Corrispondenza planetaria: Giove.
Usato per lavori dedicati al denaro, alla protezione e all’amore. Un rametto viene posto sulla porta ddi casa per tenere lontani visitatori indesiderati.

 

 

 

Ipericoiperico
Corrispondenza planetaria: Sole.
Anche detto Erba di San Giovanni e Scacciadiavoli, rientra nelle erbe apotropaiche raccolte durante la notte del 24 Giugno (o di S. Giovanni appunto). È l’erba nata dal sangue di Prometeo, punito per aver portato il fuoco agli uomini. Si usa per allontanare il male e fugare le ombre. Il suo oleolito preparato ad arte è di un rosso intenso, viene chiamato ‘Sangue di S. Giovanni’ ed è ottimo per curare le bruciature.

 

 

 

Lavandalavanda angustifolia
Corrispondenza planetaria: Luna-Giove.
Pianta molto aromatica usata per deodorare la biancheria e anche in cucina. Bruciata propizia il sonno ristoratore, ma si usa anche in bagni purificatori o in riti di protezione.

 

 

 

 

MentaMenta
Corrispondenza planetaria: Mercurio
Erba aromatica molto usata in cucina. Favorisce l’attività mentale e la salute, favorevole nei lavori di protezione durante i viaggi.

 

 

 

 

Orticaortica
Corrispondenza planetaria: Marte
Può raggiungere facilmente il metro d’altezza, privilegia terreni incolti, macerie, terreni ricchi di ferro. Le foglie sono ricoperte di peli urticanti, che in magia tornano molto utili per tenere lontani nemici e contro le malelingue.

 

 

 

 

 

Peperoncinopeperoncino
Corrispondenza planetaria: Marte. Il frutto è un cornetto usato anche in cucina per insaporire i piatti col suo sapore piccante. Si usa per la difesa attiva, sfruttando il suo potere di bruciare e irritare, ma anche per dare una ‘smossa’ a situazioni stagnanti o in tutti quei casi in cui un po’ di piccante può rendere le cose più interessanti.

 

 

 

RosaRosa_canina
Corrispondenza planetaria: Venere
Pianta ornamentale molto amata in tutte le sue varietà, oltre che dell’amore è simbolo di segreto iniziatico.  È la pianta di Venere per eccellenza, usata con profitto nelle operazioni d’amore e per mantenere la serenità della casa.

 

 

 

 

SalviaSalvia-officinalis
Corrispondenza planetaria: Giove-Luna
Da sempre molto usata in cucina per insaporire i cibi e aiutarne la conservazione, ottima in questioni di salute e per la purificazione di ambienti, oggetti e persone tramite fumigazione.

 

 

 

SantoreggiaSatureja_hortensis_Sturm51
Corrispondenza planetaria Mercurio-Giove.
È usata in bandi e purificazioni, rientra nella preparazione di incensi e sacchetti, può essere usata anche per fumigazioni e bagni rituali.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*