Abracadabra

Antica parola magica, che sembra risalire ai tempi dell’antica Grecia. Da quegli dagli ambienti mistici passo’ ai romani. All’epoca, la parola era scritta come un triangolo discendente riempito dalle lettere della stessa. Nell’Italia meridionale, questo amuleto era ancora in uso comune nelle campagne della Lucania e a Napoli, contro le malattie e gli affatturamenti dello spirito.

Altare

Nelle pratiche devozionali delle campagne e di certe città italiane, gli altari domestici sono comunemente dedicati a uno o più santi, oppure ai cari e alle persone defunte. Quando dedicato ai santi, spesso questo puo’ essere un luogo di scambio e di penitenza con la figura in questione. La preghiera e l’offerta ai cari che sono passati all’aldilà era una pratica comune fino a pochi decenni fa. Le operazioni magiche raramente prendevano luogo su un altare, ma più comunemente erano compiute ovunque fosse necessario.

Nella stregoneria tradizionale di stampo anglosassone, l’altare rappresenta il passaggio nell’aldilà, ed è uno strumento di ‘passaggio’ e di comunicazione – spesso rappresentato dal bastone biforcuto, la stag. Questa pratica ha radici britanniche, e il suo uso nella stregoneria moderna puo’ essere fatto risalire a Robert Cochrane e alla tradizione del Clan di Tubal Cain.

Nella Wicca, l’altare è il posto in cui sono riposti i simboli del Dio e della Dea, gli strumenti della strega, e sul quale si compiono la maggior parte delle operazioni magiche. Questo è normalmente rivolto a Nord o a Nord-Est.

Amuleto

Un amuleto è un oggetto caricato con un intento e uno scopo, e che è considerato portatore di energie favorevoli a tale scopo. Di conseguenza, un amuleto puo’ anche essere utilizzato per allontanare malocchio, sfortune, o influenze particolari. Gli amuleti possono essere composti da pietre, metalli, erbe, e più o meno qualunque materiale.

Arte

Termine spesso usato in stregoneria per riferirsi alla… stregoneria. L’utilizzo di questo termine in italiano deriva dal corrispondente inglese craft che è spesso utilizzato per riferirsi alla stregoneria (witch – craft). La truduzione è imprecisa. In inglese craft si riferisce a un’attività pratica, come un mestiere o un’attività manuale – ed è infatti lo stesso termine che i massoni usano per riferirsi alla framassoneria, in origine una confraternita di carpentieri. Il termine ‘arte’, in italiano (come in inglese) secondo il dizionario Garzanti indica un’  ‘attività umana volta a creare opere a cui si riconosce un valore estetico, per mezzo di forme, colori, parole o suoni‘. Una più corretta definizione di craft in italiano sarebbe piuttosto ‘mestiere’ o al limite ‘pratica’.

 

Athame

Nella Wicca, è il coltello rituale della strega e simbolo del maschile divino. In alcune tradizioni è associato all’elemento dell’aria, in altre a quello del fuoco.

Bacchetta

Bastone di legno o metallo, utilizzato nella magia e nella stregoneria per comandare gli spiriti. Il suo uso risale ai grimori di magia medievale. Nella Wicca è considerato uno degli strumenti della strega. In alcune tradizioni è associato all’elemento dell’aria, in altre a quello del fuoco.

Nelle credenze popolari dell’Europa e dell’America del nord, le bacchette biforcute sono spesso utilizzate per le operazioni di rabdomanzia.

Bacco

Dio Romano dei sensi, cugino del greco Dioniso. I culti dionisiaci in Italia, i baccanali, possedevano una forte componente estatica, associata a una buona quantità divino e generale gaiezza. Il Senato romano, che evidentemente già all’epoca abbondava di bacchettoni, proibì la celebrazione dei baccanali intorno al 180 a.C. Nei Canti Carnascieleschi, Lorenzo (de Medici, non il Jova) descriverà lo spirito rinascimentale del carnevale di Bacco nel Trionfo di Bacco e Arianna:

Quant’è bella giovinezza,
che si fugge tuttavia!
chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Quest’è Bacco e Arïanna,
belli, e l’un dell’altro ardenti:

perché ’l tempo fugge e inganna,
sempre insieme stan contenti.
Queste ninfe ed altre genti
sono allegre tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Baf(f)ometto

Antica divinità pagana, che sembra fosse venerata dai templari. Il termine potrebbe essere una deformazione di ‘maometto’ (Ba-pho-mad da Mo-ha-mmad). In alcuni scongiuri dell’Italia meridionale, in un esempio sfortunato di sincretismo, sia i termini Bafometto che Maometto sono usati per riferirsi al diavolo.

Barabba

Il ladrone che, notoriamente, scappo’ alla crocifissione a scapito di Gesù Cristo. Nel folklore e la magia popolare del sud Italia, Barabba è spesso chiamato uno spirito di inclinazione malevola (vedi anche Diavolo e Baf(f)ometto) .