La Luna e le sue Fasi nella Magia Antica

E’ di tutti i tempi – anche dei più remoti – e di tutti i popoli, la credenza nell’influsso degli astri riguardo alla generazione umana, alle malattie, al corso degli avvenimenti, alla vita degli animali, alla crescita delle piante – specie di quelle medicinali e magiche – e alla virtù di alcune pietre.
Tra le credenze che riguardano gli astri, varie e di grande interesse sono quelle intorno alla luna e alle sue fasi.

La medicina antica tenne in gran conto la posizione della luna e le testimonianze non difettano. Marcello di Bordeaux (Marcello Empirico: floruit fine IV – inizio V secolo, fu un autore latino di opere mediche originario della Gallia) ce ne fornisce tutta una serie di non scarso interesse. In molti rimedi contenuti nel “Liber de medicamentis”, la posizione della luna è l’influsso magico del giovedì hanno un’importanza decisiva, per la raccolta delle piante medicinali, per la preparazione e somministrazione delle medicine, e per la recitazione delle formule di incantesimo. Come per gli altri rimedi, anche per questi, nei quali predomina l’elemento astrologico, egli si è giovato – com’è evidente – delle esperienze dei suoi predecessori, attingendo però largamente dalla scienza contadina e plebea. Ma è altrettanto certo che tali rimedi, dei quali coloro che glieli raccontavano dicevano le più grandi meraviglie da loro stessi sperimentate, erano consacrati da una tradizione antica.

Contro tutti i dolori del capo è rimedio meraviglioso e sperimentato – a quel che dice Marcello – tagliarsi i capelli il settimo giorno della luna o il diciottesimo o il ventisettesimo.
Il settimo giorno della luna è considerato particolarmente favorevole, perché è il giorno in cui si fa cadere la nascita di Apollo. I rapporti di questo dio con la medicina sono ben noti.

Se gli occhi dolgono, con un ago di rame si cavino gli occhi a una lucertola verde, catturata «die Iovie, luna vetere, mense Septembris aut etiam quocumque alio», e si rinchiudano in una capsula d’oro da portare al collo. Così scompare il dolore degli occhi e si è preservati per l’avvenire. Per curare le gengive infiammate occorre torrefare nove grani di pepe, una zucca secca, la testa di una sardina e ridurre il tutto in polvere finissima da passare sulle gengive. Questa medicina deve essere preparata «decrescente luna die Iovis». Contro il mal di denti “luna decrescente, die Martis sive die Iovis, haec verba septies dices:
«argidam margidam sturgidam»
(queste parole sono state interpretate nel seguente modo: «caccia il dolore, maledici il dolore, dissipa il dolore»).

Per guarire dall’angina è buona la cenere delle rondini prese vive nel nido e bruciate un giovedì di bassa marea (liduna) e al declinare della luna. Chi soffre di dolori reumatici, prenda di giovedì, al declinare della luna, una faina viva, la bruci in una pentola di rame, mescoli la cenere con miele e prenda della pozione così ottenuta un cucchiaio al giorno. Contro l’artrite è buona l’erba detta britannica, ma anch’essa deve essere raccolta di giovedì «decrescente luna, liduna». E’ necessario «praecantare» l’erba dicendo queste parole:
“Terram teneo, herbam lego (in nomine Christi):
prosit ad quod te colligo”.

Un «incredibile e unico» rimedio contro la sciatica e i reumatismi è questo: si prenda il diciassettesimo giorno della luna un pugno di sterco di ibi e lo si pesti in un mortaio; si aggiungano trentacinque grani di pepe, un’emina di miele e due sestari di vino. Volendo rendere il rimedio più efficace, si aggiunga un altro pugno di sterco, preso al declinare della luna, e lo si mescoli agli altri ingredienti il diciassettesimo giorno della luna. Così preparata la medicina va presa in pozione, a cominciare da un giovedì, per sette giorni consecutivi, ma è opportuno berla stando su uno sgabello (per evitare il contatto con la terra) e guardare a Oriente. Per espellere i calcoli bisogna bere di giovedì una pozione fatta di buon vino, di miele, di ruta, di pepe e di numerosi altri ingredienti. Deve però essere preparata di giovedì al declinare della luna.

lunaIn alcuni di questi rimedi cospicua è l’importanza attribuita alla luna che sta per tramontare. Si tratta dell’applicazione del principio più semplice della “magia simpatica”: la luna scompare dal cielo e la malattia sparisce dal corpo.
I Guaritori di campagna, per curare alcune malattie fisiche, osservano certi tempi: c’è chi cura solo quando la luna è calante, perché «la luna crescente fa crescere il male, mentre quella calante lo fa diminuire». Zia Angelina e zio Giovanni, della Sardegna, curano solo in luna calante: «La cura va ripetuta nove volte, la gente deve venire per tre lune di seguito, ogni mese tre giorni, nel periodo della luna buona, quella calante».

Non è inferiore l’importanza attribuita alla ricomparsa della luna. E’ questo un momento creduto propizio quant’altri mai per invocare dall’astro notturno aiuto e protezione. La fede nella nuova luna, diffusissima in tutte le antiche civiltà e presso tutti i popoli – tra questi non sono ultimi i primitivi odierni, i quali al riguardo ci forniscono numerose e importanti testimonianze -, è notevolissima tra i volghi dei popoli civili. Tutte le invocazioni alla luna sono fatte, ordinariamente, al tempo della luna nuova. Ma poiché durante i primi giorni il suo crescere è così sottile che essa è praticamente invisibile, il vero momento delle invocazioni è quando la luna è effettivamente visibile nella volta celeste. Secondo le latitudini è il terzo, il quarto e anche il quinto giorno.

La luna concorre con la sua presenza alla riuscita dell’operazione, soprattutto dal tempo in cui fu assimilata alla dea Ecate, signora delle ombre e dei fantasmi notturni, patrona della stregoneria. La presenza della luna è poi particolarmente indicata nel caso in cui, per un’operazione magica – specialmente se fatta con intenti criminali -, si debbano raccogliere erbe velenose o magiche. Ovidio, Lucano, Valerio, Flacco, Servio riportano le credenze di alcuni maghi, i quali erano convinti che essa riversasse sulle piante magiche un «virus» mortale che le rendeva più adatte ai loro scopi.

In Sicilia, la luna è invocata dai malati di gozzo perché faccia scomparire fin dalle radici la mostruosa protuberanza del collo, in modo che esso possa tornare alle dimensioni normali. In Calabria «il malcapitato individuo aspetterà che la luna sia nell’ultimo giorno del suo plenilunio: allora ginocchioni, cogli sguardi rivolti verso l’astro notturno, scorrendo con la mano sul gozzo, reciterà lo scongiuro. Il gozzo così decrescerà con lo scemare della luna, in modo che al ritorno del plenilunio non resterà nemmeno la radice di esso». La luna nell’ultimo quarto è “vecchia”; poi scopare, ma trascorso qualche tempo torna “ringiovanita”: nuova. «Ve ne andaste vecchia e tornaste nuova», dice uno scongiuro di Palermo contro il gozzo; analogamente dovrà tornare «nuovo» il collo. Al rinnovarsi della luna corrisponde il rinnovarsi di quelle parti del corpo rovinate da una malattia.

Dice un’invocazione-scongiuro napoletana:
“Santa Luna, santa Stella,
fammi crescere questa mammella.”

La donna che recita questa invocazione deve stare per un po’ di tempo nuda esposta al chiarore lunare, e deve ripeterla nove volte di fila, mentre con le mani si comprime il seno. Non si tratta, come si vede, di guarire una malattia, ma di correggere un’imperfezione fisica. Per le malattie del seno i rimedi, almeno i più comuni, sono di altra specie.
Le invocazioni alla luna sono frequenti anche negli scongiuri amorosi. L’astro notturno deve mandare dalla donna innamorata l’uomo amato col cuore “infiammato d’amore”. La luna e il diavolo, espressamente invocati, devono rendere l’uomo amato sordo, cieco, muto e incapace di fare cosa contraria ai desideri della donna.
In una notte di luna si possono chiedere a quest’astro le grazie più disparate.

Liberamente tratto da:
– “Scongiuri del popolo siciliano”, di Giuseppe Bonomo.
– “I Guaritori di Campagna, tra Magia e Medicina”, di Paola Giovetti – Ed. Mediterranee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*